RETROSCENA

Nasce questo piccolo spazio dedicato a chi ha ancora voglia di stupirsi,

a chi ha ancora voglia di sgranare gli occhi e battere le mani,

a chi ha ancora voglia di imparare.

10256194_544528348991481_6514309496694850185_n

Nulla poteva essere più adatto di qualcosa che avesse a che fare con l’esprimersi, con il raccontarsi, con lo scrivere. Ed è così che arriviamo ad Adriano Olivetti, imprenditore, ingegnere e politico italiano nonchè figlio del fondatore della prima fabbrica italiana di macchine da scrivere, la Ing C. Olivetti & C. Adriano diventò direttore della società nel 1932, anno in cui lanciò la prima macchina da scrivere portatile, la MP1. Grazie alle sue capacità riuscì a far diventare la Olivetti la prima azienda del mondo nell’ambito dei prodotti da ufficio. Sicuramente è importante sapere che fu in grado di creare, nel dopoguerra italiano, un modello di fabbrica unico al mondo, in un periodo storico in cui si fronteggiavano capitalismo e comunismo. La Olivetti s.p.a. non solo è stata una delle fabbriche più importanti nella produzione di macchine da scrivere, ma è stata anche la prima azienda a produrre personal computer e stampanti da ufficio.

10290664_534209300023386_9112821368526884057_n

Cultural differences. Pic by Eric Lafforgue. Una donna appartenente alla tribù Mursi scopre Vogue Magazine.

10294283_540642206046762_4693990336683958736_n

Il servizio di libreria mobile studiato per i malati e gli invalidi. 1928, the L.A. Public Library’s Bookmobile.

10349951_770963039592039_5797487910306592987_n

Una vespa che scivola via come un nastro. L’opera d’arte di Eddi Prabandono.

10151942_525722547538728_1686924140_n

Identical Twins 1967. Una foto di due giovani sorelle gemelle, Cathleen e Colleen Wade, una a fianco dell’altra. Entrambe guardano nell’obbiettivo ma una è leggermente sorridente e l’altra imbronciata. Stanley Kubrick, ammiratore dell’opera di Diane Arbus, le diede omaggio alla realizzazione della celebre sequenza del film Shining. La posa delle gemelle e la composizione dell’inquadratura sono infatti elementi che richiamano a questa foto.

10410751_552798368164479_5142139572569637222_n

Pelè e Bobby Moore, 1970. No To Racism.

1618338_553866294724353_2714084607988930144_o

Columbia Pictures Industries: il suo famosissimo logo è la personificazione femminile degli Stati Uniti, che regge in mano una torcia ed è avvolta nella bandiera americana. Nel 1992 Micheal J. Deas ingaggiò Jenny Joseph come modella. Deas creò un dipinto ad olio basato su di lei che è stato successivamente digitalizzato ed animato. Pare che la ragazza abbia posato durante la sua pausa pranzo e che l’abito in realtà fosse un semplice lenzuolo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...